“Clessidra”

di Luca Isoardo

Volto, ti rivolto,
tanto ho tempo, disinvolto,
ci specchio ridente volto.
Mi dileggio, come stolto…
Come clessidra, capovolgo…
L’impugnatura ruoto,
di viver la mia fatica scorgo.

Giro e scandaglio
la casa degli specchi.
Mi vedo proporzionato…
Dopo un passo, d’improvviso allungato,
magro, grasso, distorto…
E nella distorsione
annesso è il dolore.
Di polso, caviglia, d’amore…
Come clessidra, capovolgo…
Dietro gli specchi,
volti ordinari osservo.

Porto occhiali a specchio,
per onorare i vostri sguardi…
Non voglio di bellezza voti,
ma impassibile osservare,
come in me, vi vogliate specchiare
con molto orgoglio.
Come clessidra, capovolgo…
E vi si oscura il mondo,
senza specchio… andate a fondo.

***

Torna alla Silloge #IlVoltoDellaClessidra per leggere altre opere ed altri autori.

#IlVoltoDellaClessidra – Luca Isoardo – Lettera32 Il Blog
“Clessidra”

3 pensieri su ““Clessidra”

  • Luglio 22, 2021 alle 9:34 am
    Permalink

    Un immenso grazie per avermi inserito tra gli autori selezionati.

    Rispondi
  • Agosto 6, 2021 alle 11:02 pm
    Permalink

    Una bella e originale analisi del tempo e degli accadimenti umani. Luca Isoardi, in questa sua felicissima prova, sa far riflettere senza pedanteria.
    È ironico ed emozionante.

    Rispondi
    • Agosto 14, 2021 alle 2:17 pm
      Permalink

      Grazie Danila Selis, per la lettura, per aver lasciato una recensione e per le tue parole generose.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: