“Piove”

di Silvia Vercesi

Piove,
ore forte ora lento,
ora rado, ora intenso…
Piove sul bosco bagnato,
brontola il cielo scuro e infuriato,
tintinna la goccia vivace,
la natura incantata tace.

Profuma di umido il pino speziato,
osserva muto il ghiro assonnato.
Piove sul tiglio,
piove sulla tana del timido coniglio.
Insiste battendo sul tetto,
la pioggia con magnetico effetto.

Osservo mesta dalla finestra,
la natura in quell’umida festa,
sorseggiando una calda tisana,
fuori un timido ombrello si allontana…

Piove sulla radura,
piove sulla pianura,
piove su tutta l’immensa Madre Natura,
piove sulle magioni,
piove sui covoni,
piove…

.

.

.

… e tu mi abbandoni…

***

Torna alla Silloge #RaccontItineranti per leggere altre opere ed altri autori.

Raccontitineranti – Silvia Vercesi – Lettera32 Il Blog
“Piove”
Tags:             

25 pensieri su ““Piove”

      • Giugno 11, 2021 alle 5:50 pm
        Permalink

        Brava Silvia! Poesia molto delicata con finale originale e imprevisto

        Rispondi
  • Giugno 10, 2021 alle 11:19 pm
    Permalink

    L’ultimo verso sorprende e stravolge il significato di tutta la poesia…
    bravissima!!!

    Rispondi
  • Giugno 11, 2021 alle 12:35 pm
    Permalink

    Per me, che amo la pioggia e la natura, è un dolce ascolto

    Rispondi
    • Giugno 11, 2021 alle 4:52 pm
      Permalink

      … grazie Patrizia….piove anche adesso!….

      Rispondi
  • Giugno 11, 2021 alle 7:48 pm
    Permalink

    Bella! Allegra e triste allo stesso tempo. Finale spiazzante…

    Rispondi
  • Giugno 12, 2021 alle 3:14 pm
    Permalink

    Se c’è una cosa che non sopporto è la pioggia nei giorni di lavoro. Ma quando sono a casa, molte delle mie sensazioni le hai raccontate nei tuoi versi.
    Non so chi è che t’abbandona, ma certo rinuncia a parole preziose.

    Rispondi
    • Giugno 12, 2021 alle 3:55 pm
      Permalink

      😊… grazie Marco… per fortuna poi… recuperato!😉

      Rispondi
  • Giugno 20, 2021 alle 2:19 pm
    Permalink

    Rileggendola non sono sicuro se la pioggia sia una metafora utilizzata per descrivere le emozioni che stanno invadendo la protagonista in quei tristi momenti in cui sente l’amore allontanarsi, oppure se siamo veramente di fronte a un evento atmosferico, che diventa tutt’uno col sentire della protagonista che scorge l’amato allontanarsi sotto l’ombrellino…
    Brava davvero

    Rispondi
    • Giugno 20, 2021 alle 2:24 pm
      Permalink

      … forse entrambe le cose… 😄🧚‍♀️

      Rispondi
  • Giugno 28, 2021 alle 7:43 pm
    Permalink

    Poesia con versi molto intensi e dai molteplici significati… e poi il finale… è un tonfo al cuore. BRAVISSIMA!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: