“Quello che non ho mai detto”

di Rita Giovanna Cavicchi

Non sono uno scrittore ed è alquanto difficile per me narrare la mia storia, così articolata e densa di emozioni.

Come nelle più belle favole comincerò con “c’era una volta”, perché il mio tempo è terminato, ma sarò sempre presente nei pensieri e nel cuore di chi mi ha voluto bene.

C’era una volta, dunque, una famiglia con la quale ho vissuto in armonia fin da piccolo e sono sempre stato libero di fare le mie scelte, circondato da affetto e attenzioni continue.

E’ probabile che in alcune occasioni non mi sia comportato secondo i canoni, ma nessuno, mai, mi ha fatto pesare i miei errori.

Avevo la capacità innata di farmi perdonare. In poche parole ero un efficacissimo adulatore.

Ho trascorso intensamente ogni momento e mi sono dilettato a fare i lavori più disparati.

Sono stato una guardia del corpo molto affidabile, un baby sitter qualificato, un allegro giullare, un abile veggente avvertendo del pericolo imminente di scosse telluriche o forti temporali, un competente psicologo alleviando le pene dell’anima.

Nel periodo invernale preparavo la pista da sci rotolando sulla neve e trainavo persino la slitta; d’estate, invece, adoravo fare la lotta corpo a corpo sull’erba: che spasso!

Piuttosto massiccio e robusto, nonostante la mia mole e il passare degli anni, mi sono sempre sentito un giovincello giocoso.

Forse ero anche un po’ rompiscatole, ma non ho mai smesso per un istante di adorare la mia famiglia e di essere un vero amico fedele.

So con certezza che la mia presenza ha arricchito tutti per la mia lealtà e il mio incondizionato amore.

Ah… dimenticavo… sono un cane, un meraviglioso (dicevano) incrocio fra un pastore tedesco e un pastore belga.

Il mio nome è Charly.

***

Torna alla Silloge #RaccontItineranti per leggere altre opere ed altri autori.

Raccontitineranti – Rita Giovanna Cavicchi – Lettera32 Il Blog
“Quello che non ho mai detto”

8 pensieri su ““Quello che non ho mai detto”

  • Giugno 10, 2021 alle 8:44 pm
    Permalink

    Giovanna ha la leggerezza nello scrivere, i suoi racconti,le sue poesie e nondimeno i suoi meravigliosi dipinti arrivano dritti nel cuore.

    Rispondi
    • Giugno 26, 2021 alle 1:50 pm
      Permalink

      Mi ha veramente emozionato il tuo carinissimo commento. Grazie di cuore Luana! ❤

      Rispondi
  • Giugno 16, 2021 alle 7:21 am
    Permalink

    Giovanna riesce sempre a meravigliarmi. E’ veramente un’artista a tutto campo in quanto spazia dalla poesia alla prosa ed alla pittura con la stessa facilità rendendo quello che fa sempre leggero, piacevole ed interessante e con argomentazioni sempre attuali che colgono nel segno.

    Rispondi
    • Giugno 26, 2021 alle 1:57 pm
      Permalink

      Oh…davvero troppo gentile. Un carissimo grazie per il bellissimo commento Vito! ❤

      Rispondi
  • Giugno 16, 2021 alle 2:07 pm
    Permalink

    Bellissima! Mi sono commossa😍
    BRAVA!

    Rispondi
    • Giugno 26, 2021 alle 2:02 pm
      Permalink

      GRAZIE Ilaria! Sono contentissima ti sia piaciuto! ❤

      Rispondi
  • Luglio 10, 2021 alle 3:41 pm
    Permalink

    Giovanna cara…che dire del tuo racconto?… Profondo, intenso, scorrevole, come le lacrime che mi hai fatto versare.
    Intelligente e originale. Finito di leggerlo ho dovuto ricominciare da capo.
    Apertura e chiusura eccellenti e d’effetto.
    Vorrei averlo scritto io… grazie per questo momento in cui mi sono persa fra le tue righe.

    Rispondi
    • Febbraio 7, 2022 alle 2:24 pm
      Permalink

      Mi scuso davvero tanto per il notevole ritardo, ma solo oggi ho visto il tuo bellissimo commento nel Blog. Grazie di cuore per tutto quello che hai scritto e che mi ha veramente commosso. Ancora un carissimo grazie Isabella!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: