“Le ombre dell’anima”

di Pamela Pirola

È sera, la città è deserta. Una piacevole brezza estiva accarezza il mio viso. I passi sono lenti e cadenzati.

D’improvviso mi rendo conto di essere sul lungomare. Questa camminata ha un potere meditativo e terapeutico su di me.

Adoro passeggiare vicino al mare, il rumore delle onde, l’odore della salsedine, la luce fioca dei lampioni, il silenzio della notte, i granelli di sabbia sotto ai piedi e i contorni poco nitidi. Osservare quella enorme distesa scura e percepirne la maestosità. Un mondo a me sconosciuto.

Una panchina sembra attendermi e chiamarmi a sé. Mi siedo e continuo a perdermi nella bellezza e nella ritmicità del movimento delle onde. In lontananza solo una luce intermittente. Un faro, una stella per i naviganti che sanno di essere sulla rotta giusta e vicini all’arrivo. È lì per esserci, per combattere, affinché nessuno nella notte buia si senta solo. Non importa quante tempeste si infrangono su di lei, è lì per indicare la via, la retta via.

Guardo il nero intorno a me e vedo la luce e intuisco che il cammino è quello giusto. So che sto lasciando le ombre e che il viaggio sta per concludersi.

Le ombre e il buio.

Quante zone d’ombra abbiamo dentro di noi?

Le ombre che abitano dentro di me sono tante e a volte anche affascinanti. Mi chiamano e mi attirano. Annebbiano la mia mente. Ed è come se camminassi nella nebbia, perdendo completamente la percezione del tempo e non vedendo in modo nitido i contorni di ciò che mi circonda.

Vago nel buio e inciampo in rovi aggrovigliati fatti di pensieri catastrofici, scendo nella profondità degli abissi della mia anima, sempre più giù fino a toccare il fondo per poi risalire lentamente.

Fuori il mondo continua a vivere, con il tempo che scorre inesorabile e io trasformo i giorni in giorni fotocopia. Oggi uguale a ieri, domani uguale a oggi.

E devo per forza farlo… attraversare il buio affinché possa trovare la luce, il faro, l’arrivo.

Bisogna perdersi per trovare la strada giusta.

Sorrido pensando a chi vive nel buio, a chi non lo vuole attraversare, a chi si accontenta.

Ci vuole coraggio, molto coraggio per camminare nell’oscurità, procedere a tentoni, cadere, ridursi in mille piccolissimi pezzi e avere la forza di guardarli e prendere in mano la propria luce e la propria vita.

Quel flebile bagliore che non smette mai di chiamarci, di indicarci la via, di dirci che siamo vivi.

Mi alzo e, dando un ultimo sguardo al mare e all’orizzonte, mi incammino verso casa. Sollevo la testa verso il cielo e vedo un tappeto di stelle, pronte ad illuminare l’oscurità della notte e dell’anima.

***

Se vuoi leggere altri componimenti relativi a questa Silloge, clicca sul link: Silloge #Ombra

Le ombre dell’anima – Pamela Pirola – (Concorso Letterario #Ombra) – Lettera32 il Blog
“Le ombre dell’anima”
Tags:             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: