“L’avvento di novembre”

di Luciano Postogna

Fremeva il merlo, seppur il sole alto,
e invano stavo a cercar i fiori,
gli odori che primavera porta
e dei campi il tepor radioso.

Piante secche di verde prive
prati gialli sotto l’azzurro cielo
di voli orbo e di garriti,
gelata terra di bocci priva.

Muta intorno la natura
dove il vento si sentiva
e il cader ahimè di foglie gialle:
era il mese gelido dei morti.

***

Torna alla Silloge #RaccontItineranti per leggere altre opere ed altri autori.

Raccontitineranti – Luciano Postogna – Lettera32 Il Blog
“L’avvento di novembre”

Un pensiero su ““L’avvento di novembre”

  • Giugno 12, 2021 alle 3:08 pm
    Permalink

    leggendo mi dispiaceva un po’ per novembre e l’autunno. Perché anche io che prediligo la primavera noto questa variazione di colori che, seppur belli, mi danno la sensazione della dipartita. Ma forse tra queste assenze di brezze fertili e di leggere fragranze alla fine si evidenzia le certezza del seguente rinnovamento che rende il tutto meraviglioso.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: