“Benevento, l’enclave pontificia” e “Flans te alo”

Città: Benevento

due liriche del poeta Antonio Sbarra

“Benevento, l’enclave pontificia”

(Sestine di novenari liberi caudati)

Distesa, elegante, stupita,
tua storia tra gli amni rimembri.
L’Epiro vedesti sconfitto
e il biondo, già svevo e normanno!
Quei fiumi, che a te fan corona,
son come le acque lustrali,

che linfa adducono al cuore!

Oh conca di valle Caudina,
rimorso perenne a quel Ponzio!
Profetico verbo senile:
non vita, non morte, ma un giogo

a Roma sarà da servaggio!
Bovian poi vittoria sancisce

e Bene prefissa… l’Evento!

Ma questo mio cuore lontano
vicino si rende a te, patria!
I sogni del coto puerile
ancor entro te son riposti.
Le fole, i progetti, la vita
d’un beneventano fanciullo,

cullasti, o madre feconda:

nel tardo tramonto ch’incombe,
il labefacente cammino
rinsaldano nella memoria!
Il Corso, il Liceo, le partite
d’un calcio straccione e felice:
aedi perenni voi siete

del sogno d’un vecchio sannita!

***

Se vuoi leggere altri componimenti relativi a questa Silloge, clicca sul link: Silloge #ScrittiaMano con Amore – Racconta la tua Città

Scritti a Mano – Racconta la tua città – Benevento – Antonio Sbarra – Lettera 32 Il Blog

Flans te alo1

(Strofe Saffiche)

Sempre ti porto, nel mio cuor piccino
vecchia città dei Malii e di quel Gaio
Ponzio vittore, là nel Caudino!
Non son tuo aio!

Rifletti, col torpore tuo silente,
la Storia sopra te già affastellata:
intra Calore e Sabato, dolente,
addormentata.

Rivedo, ora da lunge, da straniero,
col palpito di un figlio che ti adora,
il biondo Imperator, il suo cimiero,
la greve mora!

Quei passi nel Teatro emicerchiato,
sognando scene da una Mostellaria,
l’Ammazzasette, al solito smodato,
o l’Asinaria!

Sei l’Urbe sola che ripeti ancora
l’acronimo fulgente dei Romani!
Quell’ESSEPIQUBI oggi t’onora!
E ancor domani!

Al fiume tuo corolla son montana
il Sol laggiù, la Bella tua Dormiente:
gioiosa, aprica, un’aura dolce emana
di rosa aulente.

L’Arco Traiano, dei Daci memoria,
or stigma e onusta di gloria cornice,
ancora proclama, con dolce oratoria,
te vincitrice!

Un figlio lontano, or ombra senile,
memoria ritiene del bimbo ch’un dì
ruzzava felice, dentro a un cortile
dal quale partì!

***

1 Iscrizione al sommo di una fontana, a Benevento, in Corso Garibaldi. [N.d.A.]

***

Se vuoi leggere altri componimenti relativi a questa Silloge, clicca sul link: Silloge #ScrittiaMano con Amore – Racconta la tua Città

Scritti a Mano – Racconta la tua città – Benevento – Antonio Sbarra Foto (Fontana in Corso Garibaldi)
“Benevento, l’enclave pontificia” e “Flans te alo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: