“L’inverno dentro”

di Lorella Grasso

Forse non era il mio tempo,
nasco in un mondo distratto,
dove l’assenza del pensiero sprofonda nell’ignoto
diventando una dimensione tangibile.

Dove basterebbe una parola per fermare
quella sabbia scivolosa che denota il tempo fuggente.
Delusa,
muta,
in un passato fermo.

Uno squarcio nel buio è la mia stanza segreta.
Cresciuta in strade d’amianto dove la mia infanzia svaniva leggiadra.
Ho capito però che l’amore può rigenerare la vita e allora sorridendo
ho colto quell’attimo che stava svanendo.

***

Torna alla Silloge #RaccontItineranti per leggere altre opere ed altri autori.

Raccontitineranti – Lorella Grasso – Lettera32 Il Blog
“L’inverno dentro”

2 pensieri su ““L’inverno dentro”

  • Giugno 12, 2021 alle 2:57 pm
    Permalink

    Si legge la sofferenza per una realtà che ci svuota, ma anche la presa di coscienza che esiste un approdo dove tutto cambia. In meglio.

    Rispondi
  • Giugno 15, 2021 alle 9:49 am
    Permalink

    Leggendo questi pochi versi l’autrice riesce a trasmetterci tantissimo della sua sofferenza per una vita vissuta in mondo a cui sente di non appartenere e soprattutto per la fuggevolezza del tempo che passa inesorabile. C’è nostalgia per quell’infanzia leggiadra svanita, per un passato lontano, c’è delusione per un vissuto sofferto, ma c’è anche ottimismo: la certezza che l’amore vinca riporta il sorriso. Molto toccante.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: